Luigi Feliziani – Mostra “Astronave di Periferia” 2016

1centrogiovani ASTRONAVE DI PERIFERIA

Partita come Utopia….

è atterrata l’astronave sulla collina.

Con il suo carico di gente, i suoi sogni e illusioni, la felicità della conquista di una casa, le lotte e la rabbia delle occupazioni.

Con lo spaesamento e la solitudine nell’alveare, con la poesia della nascita dei figli, le nuove amicizie e le difficoltà della convivenza.

Corviale è un inferno lungo un kilometro?  O invece i suoi trenta anni di storia e le vite di coloro cui sono state assegnate quelle case popolari, ne giustificano l’esistenza e permettono di considerarlo come una parte di società, della città?

E’ un’astronave l’esterno che si vede da fuori: un enorme monolite incombente su una collina, staccato ed estraneo alla città che lo sta lambendo. La sua immagine è sfocata e grigia perché chi ne è fuori non lo conosce, lo guarda da lontano ed evita di entrarci in contatto.

Un esterno da cui si vedono nascere germi di socialità e di cultura.

E’ un interno degradato, però,  man a mano che ci si avvicina alle abitazioni diventa piacevolmente curato da ogni inquilino. Le case al loro interno ristrutturate quando accolgono anche le seconde o terze generazione. Le inferiate sulle porte, a proteggere le proprie cose da una delinquenza che esiste e esisteva forse ancora più pericolosa negli anni passati.

E’ la storia delle persone, che ci vivono e che ci sono vissute, giovani, adulti  e anziani.  Le famiglie composte da anziani vivono con piccole pensioni, spesso comprendono un unico coniuge superstite, e nella ristrettezza economica si appoggiano in piccoli gruppi l’una alle altre.

corviale (10) corviale (14) corviale (15) corviale (16) corviale (17) corviale (18) corviale (2) corviale (4) corviale (5)corviale (6)corviale (3)corviale (1) corviale (15) corviale (14)  corviale (7) corviale (8) corviale (9)  corviale (11) corviale (12) corviale (13)